05.12.2012  -  DARIO AITA: ''IL SESSO E'... CURIOSITA'. E PROFUMO DI DONNA''   |  04.12.2012  -  LE PORNOSTAR? SONO PIU FELICI DELLE ALTRE DONNE   |  04.12.2012  -  SU MEDIASET PREMIUM ARRIVA IL PORNO?   |  04.12.2012  -  ''CINQUANTA SFUMATURE DI GRIGIO'' VERSIONE PORNO: UNIVERSAL STUDIOS FANNO CAUSA   |
         
  HOME PAGE
CHI SIAMO

EMISSIONE PIG ITALIA
LE NOSTRE LINEE
TRAILERS
PIGNEWS
LE NOSTRE ATTRICI
LO SHOP
LINKS
VIDEO ON DEMAND
CONTATTI






 
Le ultime PigNews
Di seguito i dettagli della news selezionata e l'elenco delle PigNews inserite.  
 
Dettaglio pignews:
 
PORNOGRAFIA PER LE DONNE? L'OPINIONE DI SILVIO BANDINELLI IN ESCLUSIVA SU LETTERA43.IT 
di Valeria Volponi 
 


Il porno conquista le donne. Trame romantiche e attori dalla faccia pulita hanno sdoganato un genere che fino a pochi anni fa pareva essere ad appannaggio esclusivo dell'universo maschile.
DEEN, IL NUOVO MITO. Interpreti come James Deen, diventato l’idolo delle ragazzine. Peccato che non si tratti del divo di Gioventù Bruciata, Dean, con lo sguardo da bambino imbronciato e l’aria maledetta, ma di un 25enne abbastanza anonimo, che si è fatto strada nel mondo del porno ed è, al momento, il sogno erotico di migliaia di under 18 in tutti gli Stati Uniti.
FAN IN DELIRIO. A leggere cosa gli scrivono a commento delle foto che Deen posta ogni giorno sul suo blog direttamente dai set su cui lavora, c’è da arrossire. Le fan sono spregiudicate, pronte a tutto, sessualmente disinibite. Gli offrono soldi, regali, ospitalità pur di essere «iniziate al sesso» da lui.
«NATO PER L'HARD». Deen dal canto suo dichiara di essere nato per il porno e di aver capito sin dall’asilo che quella era la sua strada. E i numeri gli danno ragione visto che ha all’attivo oltre 1.200 pellicole. «Ho fatto la gavetta, come tutti. Ho lavorato da Starbucks», ha raccontato, «ma quando una sera ho sentito Jenna Jameson (la più nota pornostar statunitense, ndr) dire che per fare l’attore porno era sufficiente avere il coraggio di masturbarsi di fronte a 20 persone…mi sono messo alla prova. E ho scoperto che mi divertivo molto di più che a servire Frappuccini».
Delicato e romantico, a detta delle sue partner sul set, Deen è diventato un mito per donne che, evidentemente, sono alla ricerca di qualcosa di diverso dal porno-ginnico e di brutale sottomissione.
Royalle: «Produzioni che aiutano la vita di coppia»
Candida Royalle, ex pornostar e ora produttrice cinematografica.

Candida Royalle, ex pornostar e ora produttrice cinematografica.

C’è dunque una nuova nicchia, quella del porno al femminile, che fa crollare il luogo comune secondo cui sono solo gli uomini a fruire del prodotto pornografico? Secondo Candida Royalle, che su questa nicchia ci ha costruito un impero e un business in continua crescita dal 1984, decisamente sì. «Basta con quest’idea che il porno sia solo per uomini!», ha detto Candida a Lettera43.it impegnata a scrivere il suo intervento su O, il magazine di Oprah Winfrey. «Certo, il film porno tradizionale alle donne non piace. Ma un prodotto realizzato con la giusta sensibilità e una diversa prospettiva è in grado di conquistare anche il target femminile e di diventare uno strumento divertente per accompagnare e risvegliare la vita di coppia».
DAL SET ALLA CATTEDRA. Lasciata la carriera di pornostar, Candida è oggi un'esperta contesa dalle associazioni di sessuologia più prestigiose d’America e ha tenuto conferenze alla Columbia University e a Princeton sul suo ruolo di pioniera nella creazione di un genere porno tagliato sulle esigenze delle donne attraverso la sua casa di produzione Femme Films.
«SESSUALITÀ POSITIVA». «Il messaggio che emerge dai miei film è molto chiaro: è una sessualità positiva, reale, in cui donne e uomini arrivano al rapporto dopo una fase interlocutoria di incontro, scoperta progressiva, mistero e gioco», ha spiegato. «La trama, la colonna sonora, i personaggi - di ogni età e genere - sono studiati attentamente per dare vita a situazioni in cui le coppie possono identificarsi».
IL BUSINESS DEI SEX TOYS. Dopo i film sono arrivati i sex toys, progettati insieme con Jandirk Groet, disegnatore degli scarponi Nordica, delle macchine fotografiche compatte Ricoh e delle tivù Panasonic: la linea di «massaggiatori personali», (guai a chiamarli vibratori!) Natural Contours è dal 1999 al top dei prodotti più venduti online e nei negozi specializzati.
Dal 2010 è in vendita anche Femme Chocolat, collezione di giochi erotici etnici, pensati per le coppie multirazziali. E poi ci sono i libri: Come dire a un uomo nudo ciò che fare, purtroppo disponibile solo in inglese, ha venduto migliaia di copie. Ed è in lavorazione un secondo volume, aggiornato.
Bandinelli: «Il porno? Un genere per soli uomini»
Silvio Bandinelli, regista e produttore di film hard.

Silvio Bandinelli, regista e produttore di film hard.

A ridimensionare la portata del fenomeno “porno al femminile” ci ha pensato però Silvio Bandinelli, produttore e regista di film porno dal 1996, vero punto di riferimento per chi lavora nel settore.
«Da indagatore sociale, oltre che operatore del mondo hard, sono dell’idea che la pornografia resta maschile, come genere e linguaggio», ha ammesso a Lettera43.it dalla sua casa di Formentera, dove si è trasferito tre anni fa, in «esilio volontario», vessato dalla Porno Tax. «È genetico, per l’uomo, essere portato ad avere interesse per le donne, anche se è innamorato; allo stesso modo, è solo l’uomo che ogni volta che vede un seno nuovo va in delirio».
«L'HARD FEMMINILE È DI NICCHIA». Insomma, secondo Bandinelli alle donne manca un’attitudine al porno e questo non permetterà all'hard femminile di uscire dalla nicchia. «Il porno che piace alle donne è confinato in un ambito molto preciso, quello del gothic, del metal, dei giochi di ruolo…che sono degenerazioni di un genere, il porno, che è già di per sé una degenerazione. Non lo vedo come un fenomeno che può esplodere diversamente».
IL BOOM DEL FAI-DA-TE. Più interessante, invece, per il regista, il numero crescente di siti amatoriali di webcam (come camfuze.com o cam4.com) in cui donne di ogni età, non professioniste, si spogliano e hanno rapporti sessuali davanti alla telecamera. «Una forma pornografica di esibizionismo in cui le donne si sentono libere di fare da teaser per uomini che potenzialmente si masturbano davanti allo schermo guardandole; si sentono forti, sono loro a guidare il gioco e non come invece accade nella fruizione della pornografia classica, a subire in qualche modo il desiderio e la volontà maschile».

[fonte]
 
Le altre pignews:
 
05.12.2012   DARIO AITA: ''IL SESSO E'... CURIOSITA'. E PROFUMO DI DONNA'' 
04.12.2012   LE PORNOSTAR? SONO PIU FELICI DELLE ALTRE DONNE 
04.12.2012   SU MEDIASET PREMIUM ARRIVA IL PORNO? 
04.12.2012   ''CINQUANTA SFUMATURE DI GRIGIO'' VERSIONE PORNO: UNIVERSAL STUDIOS FANNO CAUSA 
03.12.2012   IL NUOVO FILM PORNO DI ROCCO SIFFREDI: XXX FACTOR (VIDEO) 
19.11.2012   PIGITALIA EMISSIONE 30 NELLE MIGLIORI VIDEOTECHE, EDICOLE E SEXY-SHOP! 
07.11.2012   INTERVISTA ESCLUSIVA A RAPHAEL SIBONI, IL REGISTA DI ''IL N'Y A PAS DE RAPPORT SEXUEL'' 
19.10.2012   DAVIDE DI PORTO IN MUCCHIO SELVAGGIO 2 DI MATTEO SWAITZ, PROSSIMAMENTE CON SHOWTIME 
02.10.2012   ADOLESCENTI ITALIANI MALATI DI PORNO ONLINE E SEXTING  
01.10.2012   FABIAN THYLMANN: TEDESCO, 34 ANNI, TIMIDO E... RE DEL PORNO  

Visualizza l'archivio completo
 
   
       
 
Powered by DigitArea.it      
   
Copyright MOVIE PROJECT © 2007 - Tutti i diritti riservati - E' vietata la riproduzione anche parziale